salta al contenuto

 

COME E COSA FARE

Torna alla pagina precedente

Scheda informativa

Partecipare alle aste.

Le vendite giudiziarie sono accessibili a tutti. Non occorre l’assistenza di un legale o di altro professionista. Il valore di ciascun bene, sia mobile che immobile, viene determinato in base a perizia di professionista incaricato dal Tribunale. Il futuro acquirente, oltre al prezzo deve farsi carico dei soli oneri fiscali (IVA, imposta di registro) con esclusione di quelli notarili relativi alla vendita o di mediazione. La proprietà viene trasferita con decreto del giudice e la successiva trascrizione bei registri immobiliari verrà effettuata dal Tribunale o da P.U. a ciò delegato dal Tribunale. Eventuali ipoteche e pignoramenti esistenti sul bene verranno immediatamente cancellati e le relative spese mentre in caso di partecipazione a vendita disposta nell’ambito di procedura esecutiva individuale potranno essere recuperate dall’aggiudicatario, in sede di riparto, con privilegio ex artt. 2770 e 2777 c.p.c., al contrario,in caso di partecipazione a vendita fallimentare, lo stesso aggiudicatario ne resterà definitivamente onerato secondo il disposto dell’ordinanza del Giudice delegato. E’ possibile prima o al momento del saldo prezzo, chiedere eventuali agevolazioni fiscali – es. per prima casa, imprenditori agricoli etc.. Sono a carico dell’aggiudicatario le spese per eventuali sanatorie derivanti da abusi edilizi, da presentare entro 120 giorni dall’emissione del decreto di trasferimento che costituisce titolo esecutivo anche per conseguire il rilascio dell’immobile acquistato. Gli importi versati a titolo di cauzione e fondo spese saranno restituiti tempestivamente ai partecipanti non aggiudicatari.

La modulistica contenente il testo standard delle ordinanze di vendita con o senza incanto, nonché ogni altra notizia utile è reperibile presso il sito informatico del Tribunale nella sezione documenti.

VENDITA CON E SENZA INCANTO
MUTUI
PROTOCOLLO PROCEDURE UNIFICATO

 

 

torna su